La nostra è un'attenta
analisi del cammino e della postura

Il modo di camminare e come appoggiamo i piedi al terreno rivelano dettagli molto importanti. Tutte le nostre ossa sono collegate tra loro e basta una piccola alterazione strutturale e/o di carico dei piedi per creare uno squilibrio delle strutture articolari sovrastanti. La visita posturale, effettuata con un software innovativo sviluppato appositamente per il nostro centro, garantisce una maggiore accuratezza, rendendo semplice e comprensiva la spiegazione al paziente.

Gli step della prima visita posturale

1
1
ANAMNESI DEL PAZIENTE E VALUTAZIONE PODOLOGICA
-

Raccolta diretta di tutte le informazioni e sensazioni descritte dal paziente, utili ad indirizzarci verso un trattamento mirato. Prosegue con una prima valutazione obiettiva del piede e dell’apparato scheletrico.

2
2
ANALISI DELL’ APPOGGIO PLANTARE
+

Consente di osservare come il paziente appoggia i piedi. Misurando l’istmo e la superficie d’appoggio del mesopiede, si identifica se i piedi sono normali, cavi oppure piatti. L’immagine digitalizzata inoltre ci consente di individuare zone di ipercarico, ipocarico e la presenza di callosità sui piedi.

3
3
ANALISI POSTURALE DELLE CAVIGLIA-GINOCCHIA
+

L'utilizzo di fasci Laser, posizionati in prossimità del tendine d’Achille di ciascun piede, formano due linee verticali perpendicolari al terreno. Ogni linea laser deve attraversare l'articolazione della caviglia e del ginocchio nel centro articolare. Mediante questo esame vengono individuate particolari alterazioni posturali delle caviglie e delle ginocchia, rilevando anomalie in pronazione o supinazione e valgismo o varismo.

4
4
ANALISI BIOMECCANICA del BACINO e della SCHIENA
+

Ogni alterazione della struttura della volta plantare  o delle strutture articolari sovrastanti causano un aumento o una diminuzione delle normali curvature fisiologiche della colonna (lordosi e cifosi).Una modificazione di una curva rachidea sul piano sagittale comporta una variazione e compensazione a catena di tutte le altre curve vertebrali. Molto spesso infatti anomalie posturali negli arti inferiori sono la causa della comparsa di sintomatologia dolorosa a carico della schiena.In questo esame studiamo e controlliamo la postura del tronco di ogni singolo individuo in 4 diverse angolazioni: analizziamo le curvature del rachide, controlliamo se c’è un rapporto di simmetria tra le due creste iliache, tra le spalle e valutiamo la presenza di dismetrie.

5
5
BAROPODOMETRIA in fase STATICA
+

L'esame baropodometrico fornisce  molte informazioni sulle pressioni d’appoggio dei piedi con il terreno. In fase statica si misura la distribuzione delle pressioni plantari in posizione eretta e si individuano le caratteristiche d'appoggio del piede, evidenziando sovraccarichi metatarsali, anomalie di carico nella zona del retropiede e/o avampiede, localizzazione del baricentro corporeo e la ripartizione del peso su ciascun piede.

6
6
STUDIO DEL PASSO COMPUTERIZZATO
+

L’esame in fase dinamica permette di effettuare uno studio approfondito del modo di camminare del soggetto in esame,  permettendo di analizzare parametri molto importanti della deambulazione come spostamento del peso, l’appoggio e le pressioni plantari, i picchi di pressione, i tempi di carico e la superficie di contatto. Questo esame fornisce inoltre dei grafici molto significativi sui baricentri corporei, sulla velocità del passo e sulla prono-supinazione del piede durante la fase dinamica. I dati raccolti ci consentono di valutare come viene eseguito il passo e identificare eventuali alterazioni della deambulazione.

Chiamaci!
045 464 7225

Prenota
un appuntamento

Inviando dichiaro di aver letto e compreso le finalità e le modalità del trattamento dei dati personali ivi descritte
Questo sito fa uso di cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione. Accettando questa informativa dai il consenso al loro utilizzo. OK Voglio saperne di più
 +39.045.464.7225